RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 [email protected]  

Pesaro Rugby: definiti i gironi del campionato di serie A

Definiti i gironi del campionato di Serie A 2021/2022

Il Consiglio Federale ha definito la composizione dei 3 Gironi del Campionato Italiano di Serie A per la stagione sportiva 2021/2022. 28 le squadre impegnate, suddivise in tre pool, che scenderanno in campo a partire dal 17 ottobre.

La Pesaro Rugby è stata inserita nel Girone 3 assieme a: Rugby Noceto, Romagna, Cavalieri Union Prato Sesto, Rugby Perugia, Asd Civitavecchia Centumcellae, Unione Rugby Capitolina, Asd Rugby Napoli Afragola e Amatori Rugby Catania. Un girone a 9 squadre dunque, dopo il fallimento de I Medicei Firenze.

La formula prevede gare di andata e ritorno tra le componenti di ogni girone. Le prime classificate accederanno ad un Girone Play-off con partite di sola andata che si disputeranno 22 e 29 maggio e 5 giugno.

La mischia

Intanto la Pesaro Rugby continua il lavoro in vista dell’inizio del campionato e degli impegni pre-stagionali.

Mentre prosegue la preparazione dei kiwi giallorossi in vista della stagione 2021/2022, la società è al lavoro per la definizione della rosa.

Riconfermati, rispetto alla precedente stagione i giocatori di mischia, che a causa dell’annullamento del campionato non sono potuti scendere in campo.

A comporre la mischia dunque:

Prima linea: Galdelli, Leva, Maccan, Mattetti, Pierangeli, Ravagnan, Rinaldi, Solari, Tripodo

Seconda linea: Campagnolo, Galli, Sanchioni, Venturini,

Terza linea: Agostini, Antonelli, Del Bianco, Oddo, Villarosa                     

Tra questi in fase di recupero Gabriele Del Bianco, reduce da un piccolo intervento.

«È terminata la seconda settimana di preparazione, abbiamo iniziato ad aumentare i carichi di lavoro e penso che siamo già sulla buona strada – A presentare la squadra il tecnico Augusto Allori, ex giocatore di mischia – Per quanto riguarda il settore mischia i ragazzi sono gli stessi della scorsa stagione. A causa del covid non abbiamo potuto giocare il campionato, così abbiamo deciso di tenere il gruppo unito dando continuità al lavoro che avevamo fatto in vista della scorsa stagione. La mischia praticamente è la stessa, forse ci sarà qualche innesto, se ce ne sarà la necessità. I nostri punti di forza non sono nelle individualità ma nel collettivo. Vedo un gruppo molto unito, senza grandi individualità o fisicità, e questa è la nostra forza, non abbiamo niente di eclatante, ad emergere dev’essere il gruppo, sia nel modo di giocare e di difendere che nei reparti. Puntiamo tanto sul gioco di squadra. Abbiamo una buona fase conquista e una touche performante, anche la mischia chiusa non va male. Vorrei lavorare molto sul drive, è un’ottima arma per segnare o  prendere punizioni a favore, è una cosa su cui punto tanto.»  

I trequarti

A comporre la rosa, al fianco della mischia, il reparto trequarti. In questo settore alcuni graditi ritorni in maglia giallorossa come Martinelli, Natalia e Joubert. Il sudafricano era già tornato a vestire la maglia pesarese nella scorsa stagione che, come noto, non è stata disputata.

Il reparto trequarti è dunque composto da: Mediani di mischia e mediani di apertura: Boccarossa, Cardellini G., Joubert, Natalia. Centri: Cecchetti, Dell’Acqua, Erbolini, Porcellini. Estremi e ali: Belfiore, Biagetti, Ceccolini, De Angelis, Jouari, Martinelli e Nardini.                                                                                                   

«Nello staff tecnico Paolo Panzieri sta facendo un grandissimo lavoro con i trequarti. Ha smesso da poco di giocare, ma nonostante sia nuovo nel ruolo sta lavorando molto bene – Le parole del tecnico Augusto Allori – Nel reparto trequarti c’è un leader naturale che è Lyle Joubert, è molto bravo a gestire il gioco generale e ha un gioco a piede molto interessante. È affiancato da un ragazzo di esperienza come Erbolini e da ragazzi giovani, ricchi di entusiasmo e voglia di fare. Nell’insieme la linea dei trequarti è molto equilibrata, penso che possano fare molto bene». 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *