RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 [email protected]  

L’area archeologica di Via dell’Abbondanza riapre

domus di via dell’Abbondanza

Dopo quasi tre anni riapre al pubblico finalmente la domus di via dell’Abbondanza. L’area archeologica si presenta con un nuovo percorso di visita realizzato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche, in collaborazione con il Comune di Pesaro e Sistema Museo. Si è trattato di un intervento finalizzato ad una migliore fruizione dell’area e dell’esposizione museale.

Fra il 2017 e il 2018, per l’afflusso dei visitatori e i problemi di conservazione dei mosaici, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche ha ritenuto necessario istituire un percorso di visita obbligato per evitare il calpestìo dei pavimenti e allo stesso tempo favorire la visione della strada, parzialmente ostruita dall’altezza del muro di fondo della domus, e delle terme. Ora, il nuovo percorso de l’area archeologica consiste in una passerella di ben 22 metri in struttura metallica verniciata e piano di calpestìo in vetro, che permette, in due tratti, di accedere al peristilio, alle vetrine e alle terme.

Con il primo breve tratto si giunge direttamente dall’ingresso al peristilio migliorando le condizioni di transito e visibilità dell’entrata all’area. Mentre con il secondo tratto ci si muove dal peristilio lungo il muro di fondo accostandosi alle due vetrine centrali e ammirando la strada basolata grazie all’elevazione. Fino ad arrivare allo spazio antistante le terme con i relativi pannelli. Il percorso è stato studiato, infatti, per permettere la fruizione dei supporti didattici esistenti senza rimuoverli. È in corso di riposizionamento in spazi accessibili l’apparato per ipovedenti che non poteva essere raggiunto dalla passerella per motivi progettuali.

La passerella

La passerella è progettata per armonizzarsi il più possibile con il contesto. Si è scelto quindi di utilizzare forme e materiali leggeri. I di calpestìo sono in vetro, parapetti a cavo e colori tono su tono rispetto alla pavimentazione a mosaico. I visitatori potranno accedere regolarmente a piccoli gruppi come già previsto proprio tenendo conto dell’estrema delicatezza della struttura e del microclima interno. Con nuove risorse, si prevede di avviare anche un monitoraggio annuale dei mosaici con apposite strumentazioni per individuare e risolvere eventuali problemi di conservazione.

In occasione della riapertura, sabato 15 e domenica 16 febbraio, ingresso gratuito per i possessori di card Pesaro Cult.

Di seguito alcune foto scattate oggi durante la presentazione:

  • domus di via dell’Abbondanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *