RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 [email protected]  

“Komikon, un giullare racconta i classici” alla Biblioteca di San Costanzo

Komikon: un giullare racconta i classici
Spettacolo di e con Pier Paolo Pederzini “RimAttore”

Sabato sera alla Corte di Palazzo Cassi a San Costanzo

Si chiama “Biblioteca in/attesa” la minirassegna estiva in tre serate che si terrà nella corte di Palazzo Cassi a San Costanzo.

Nel primo appuntamento, sabato 1 agosto alle ore 21.15, la biblioteca ospiterà Pier Paolo Pederzini – RimAttore, che sarà protagonista di uno spettacolo in rima estemporanea dal titolo “Komikon”: Dante, Ariosto, l’arte della memoria, gli antichi trovatori, i giullari più irriverenti si fondono con la comicità contemporanea per svelare e canzonare gli aspetti più ironici e divertenti della nostra realtà.

Un po’ comico, un po’ menestrello, un po’ ciarlatano, è così che si definisce il modenese Pier Paolo Pederzini, in arte il RimAttore, artista eclettico e poliedrico che canta, suona, recita, improvvisa storie e racconti. Sabato sera presenterà a San Costanzo “Komikon”, più che uno spettacolo, un’esperienza. Un’esilarante giullarata contemporanea in rima estemporanea dove il pubblico è artista e protagonista, dove lo spettatore inventa e diventa il copione. Pier Paolo Pederzini dà mostra delle proprie doti di improvvisatore, unite all’arte della rima estemporanea, per creare una serie di situazioni surreali ed esilaranti in cui vengono mescolate sapientemente citazioni colte, declamazioni forbite, canzoni goliardiche e battute da osteria. Con il risultato che cultura alta e cultura bassa diventano piccanti ingredienti per dare un sapore originale al sapere.

Lo spettacolo è adatto anche ai bambini. I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria tramite l’evento Facebook sulla pagina della Biblioteca comunale di San Costanzo, la mail [email protected] o il telefono 3485234732.

La serata è organizzata da Biblioteche CoMeta in collaborazione con il Comune di San Costanzo – Assessorato alla Cultura.
L’ingresso è consentito rispettando tutte le misure di sicurezza previste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *