RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 info@radioincontro.com  

HOME FESTIVAL – IL FESTIVAL A CASA TUA

Freschi di rientro dal festival migliore d’Italia, l’HOME Festival, in quel di Treviso, che è stato forse il modo migliore per accogliere la fine dell’estate. Per fortuna siamo riusciti a evitare il peggio andando ad assistere solo alla seconda delle cinque giornate della manifestazione; un’edizione questa, segnata dalle condizioni meteo avverse, che ne hanno inevitabilmente danneggiato il corretto svolgimento (annullando anche la giornata del venerdì). Pur se breve, la nostra esperienza è stata senza dubbio intensa, trasmettendoci sensazioni e vibrazioni importanti. Ma andiamo per ordine.

 

home festival 2017
In coda per gli accrediti

home festival 2017
Pane salsiccia da Paolone

home festival 2017
Godblesscomputer

 

 

 

 

 

 

 

Già dal nome HOME si capiva chiaramente l’intenzione di proporre un festival dall’eco internazionale ma con la volontà di accogliere nel migliore dei modi le persone. L’accoglienza infatti è stato uno dei primi segnali degni di nota, cosa per niente scontata nei festival (soprattutto in Italia). HOME vuol dire casa, forse quella casa che da tempo stiamo cercando e si fatica a trovare, quella casa dove puoi avere tutti gli spazi, gli agi e i piaceri di cui hai bisogno: aree relax, buon food, ottima music e gente easy. Casa tua. Infatti a questo festival abbiamo trovato tutto questo, una location ben studiata, dove gli spazi e gli “arredi” non ti facevano mai sentire disorientato. HOME è un luogo dove è possibile trovare ogni cosa che riesca a forti sentire a tuo agio, un posto comodo, disponibile alle tue esigenze, nel quale è facile muoversi e perfetto per portarci gli amici per trascorrerci le migliori serate.
Non ci saremmo mai aspetti che un festival di tali dimensioni (ben 9 palchi, 9!!) potesse accoglierti così, ma appena si varca la soglia d’ingresso ci si sente “benvenuti”. Già all’ingresso ci si rende conto che non si è arrivati in un posto qualunque ma in un posto speciale, la volontà degli organizzatori è quella di colpire dai primi istanti, con segni di imponenza e di maestosità delle insegne, forse per ribadire il fatto che questo è il miglior festival musicale italiano (da 3 anni ormai!).
E se, come si dice spesso, la prima impressione è quella che conta, la nostra prima impressione ci fa sorridere ancora se chiudiamo gli occhi e ripensiamo a quella giovedì sera. Immersi nel verde della campagna trevigiana, siamo a lato dell’aeroporto di Treviso, un piccolo concentrato di efficienza e ordine all’italiana. Accolti da sorrisi e giovani strette amichevoli, cordialità e cortesia, segnali inconfondibili della bella provincia nord est italiana. Ottimo il servizio già dal parcheggio, fino ad arrivare al bancone (tappa obbligatoria ai festival musicali direi).

 

home festival 2017
L’attesa ai dolciumi

home festival 2017
Area relax

home festival 2017
Palco principale

 

 

 

 

 

 

 

Ma parliamo di musica, un programma musicale che racchiude un concentrato di stili e di influenze musicali di tendenza, distribuiti abilmente su luoghi e orari per ballare e al contempo non perdersi nessuno dei nomi di spicco della Line: Duran Duran, The Bloody Beetroots, Moderat, Soulwax, Godblesscomputer….(solo la sera del Giovedì). La voglia di vederli tutti ci aveva gasato già mesi prima, ma la gioia e l’euforia nel viverli live ci ha letteralmente devastato! Bellissimo, una serata fantastica! Carichi a mille i gruppi hanno fatto impazzire la folla, accompagnandoci in un viaggio impetuoso pieno di energia ed entusiasmo. Pieni e soddisfatti per la qualità dei gruppi e l’armonia delle esibizioni. Che dire, un evento da ripetere ogni anno! Si perché lo sconforto che ti viene quando una bella serata sta per finire, può essere superato solo dalla consapevolezza che domani ne avrai ancora per 3 giorni! Libidine!
L’unica pecca è stata non aver dormito nel Garden (il giardino privato di casa tua), ma almeno ci farà tornare con ancor più curiosità, portandoci altri amici come quando gli invitiamo a casa e non vedi l’ora di fargli vedere la completa disposizione delle stanze e dei mobili che ci siamo presi; quelle stanze che rispecchiano al meglio il nostro essere noi stesso, nelle quali ci troviamo comodi finalmente, come nel nostro habitat naturale.

 

home festival 2017
Moderat

home festival 2017
Soulwax

 

 

 

 

 

 

 

Foto:
Natascia Torres, Edoardo Canali.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *