RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 [email protected]  

Guardia di Finanza: scoperto evasore totale

La Guardia di Finanza di Pesaro e Urbino continua la sua azione di tutela del sistema economico sano e di vicinanza agli operatori economici onesti: scoperto evasore totale e ricostruito volume d’affari di € 650.000.

La Guardia di Finanza di Pesaro e Urbino, in questo periodo di particolare difficoltà economica connessa all’emergenza sanitaria, sta svolgendo un compito fondamentale di presidio del sistema economico-finanziario, ponendo in essere specifici accertamenti finalizzati ad individuare qualsiasi forma di illecito arricchimento a discapito della componente sana e corretta della collettività.

Da queste premesse, è scaturita una specifica analisi di rischio che, attraverso un’attenta attività di intelligence condotta mediante l’utilizzo delle informazioni acquisite nel corso dei servizi di controllo del territorio e la consultazione delle banche dati in uso al Corpo, ha portato all’individuazione di un imprenditore che non aveva presentato le dichiarazioni dei redditi per gli anni d’imposta 2017 e 2018, pur avendo operato nel commercio al dettaglio di prodotti via internet nella zona di Vallefoglia.

Le Fiamme Gialle, constatata l’assenza di dichiarazioni, al fine di quantificare l’evasione dell’imprenditore, per l’anno 2017, hanno concentrato la loro attenzione sull’analisi dei dati scaturiti dalle banche dati e dalle fatture di acquisto e di vendita rinvenute in sede di accesso, mentre, per il 2018, attesa la frammentarietà della documentazione contabile a disposizione, hanno esperito pertinenti indagini finanziarie per ricostruire i flussi di denaro, nonché hanno scandagliato i rapporti commerciali con due importanti multinazionali del marketplace per l’utilizzo della piattaforma E-commerce.

La minuziosa attività esperita ha consentito di accertare la mancata dichiarazione di 650.000 euro di ricavi, per gli anni d’imposta 2017 e 2018, di qualificare il contribuente come “evasore totale” e di concludere l’attività ispettiva con le relative contestazioni e la comunicazione all’Agenzia delle Entrate per l’emissione dei conseguenti accertamenti.

Nell’attuale contesto emergenziale, i presidi di vigilanza attivati dalla Guardia di Finanza, confermano il ruolo fondamentale di Forza di Polizia economico-finanziaria costantemente impegnata alla tutela ed al supporto del sistema imprenditoriale più virtuoso, fortemente provato dalla sensibile contrazione dei livelli di produzione e per tale motivo esposto alle insidiose fenomenologie dell’evasione da parte di coloro i quali sottraggono importanti risorse economiche allo Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *