RADIO INCONTRO PESARO - Musica & Informazione Locale

0721 413232 [email protected]  

Casa Moscati – la struttura per malati di AIDS

Casa Moscati

Ieri, in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS, negli studi di Radio Incontro Pesaro ci hanno fatto visita: Luca Bartolucci e Roberto Forte, educatori professionali di Casa Moscati, e Ivo un ospite della struttura.

Luca, Roberto e Ivo ci hanno parlato di Casa Moscati e del Ce.I.S di Pesaro che, grazie alla passione e alla professionalità delle operatrici e operatori di
Casa Moscati, opera nell’ambito della prevenzione nei confronti delle malattie sessualmente trasmissibili.

Il progetto di Casa Moscati

La struttura ha dato il via anche a un progetto chiamato “Oltre l’indifferenza: Parlare ancora di HIV/AIDS”. Si offre ai ragazzi e alle ragazze la possibilità di riflettere sulla necessità di relazioni buone, di divertimenti sani, di sconfitta dei pregiudizi verso chi è malato e dello stigma che spesso colpisce chi è portatore di una diversità o malattia. Il merito di questo progetto è arrivare attraverso il percorso della prevenzione a promuovere l’agio. Ovviamente, con atteggiamenti positivi nelle relazioni e nella cura del sé, perché non c’è prevenzione senza amore per la propria vita, il proprio corpo  e rispetto per la vita e il corpo di chi incontriamo. L’obiettivo di questa giornata è far conoscere questo prezioso progetto. Inoltre, poter avere maggiori risorse per poterlo portare anche negli altri Istituti della Provincia. In modo che gli Istituti di Pesaro, continuino a mantenerne la continuità di anno in anno. Al tempo stesso l’obiettivo di Casa Moscati è poter allargare le possibilità di giovarne anche ad altri Istituti della Provincia, riuscendo a reperire ulteriori fondi da mettere a disposizione delle operatrici e degli operatori. Inoltre, giovedì 5 dicembre presso i locali del Grà’ in via Rossini, è organizzata alle ore 20 una serata
con aperitivo e musica. Il cui ricavato sarà devoluto ai progetti di Prevenzione nelle Scuole.

Per saperne di più, riascoltate l’intervista qui sotto:

Prima parte:

Seconda parte:

Terza parte:

Quarta parte:

Quinta parte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *